IL CINEMA SLOVENO AL PALAZZO DEL CINEMA

Proiezione del film I fantasmi di Trieste, le parole e il vento nella vita di Dušan Jelinčič

Il Kinoatelje organizza tre serate dedicate al cinema sloveno nel Palazzo del Cinema di Gorizia. Fresche produzioni di cortometraggi sloveni, il documentario I fantasmi di Trieste nonché il classico sloveno restaurato e digitalizzato Don’t whisper saranno proiettati al Kinemax per tre giovedì consecutivi alle 20.30. I film avranno sottotitoli in italiano e alle serate presenzieranno le troupe cinematografiche.

Giovedì 17 novembre troviamo in programma il documentario I fantasmi di Trieste, le parole e il vento nella vita di Dušan Jelinčič (2022) di Dušan Moravec. Il film è una retrospettiva delle opere letterarie del triestino Dušan Jelinčič, giornalista, alpinista e uno degli scrittori sloveni contemporanei più apprezzati. L’opera è una sorta di passeggiata unica nel suo genere attraverso Trieste e offre una serie di potenziali risposte sul perché Dušan sia giustamente considerato lo scrittore sloveno di maggior successo,  probabilmente anche lo scrittore sloveno più premiato tra gli alpinisti ovvero un alpinista tra gli scrittori. Alle riprese del film ha partecipato anche il Kinoatelje. Gli ospiti della serata saranno il protagonista e scrittore Dušan Jelinčič, lo sceneggiatore Robi Šabec, il regista Dušan Moravec nonché il produttore e direttore della fotografia Matjaž Mrak.

La serata si svolge in collaborazione con il Centro cinematografico sloveno, la Biblioteca Nazionale Slovena e il Palazzo del Cinema. Leggi di più.

Proiezione del film Don't whisper

Il giovedì seguente, il 24. novembre, si prospetta la copia restaurata e digitalizzata del classico sloveno Don’t whisper (1957) di František Čap. Il lungometraggio è il sequel del film Vesna, girato sempre da ČapI protagonisti di questa commedia romantica sono studenti universitari che passano insieme le vacanze invernali in montagna. Il film si distingue per la recitazione eccellente, la trama accattivante e uno spiccato senso dell’umorismo. Le scene allegre, piene di speranza, erano una boccata di aria fresca per la cinematografia slovena, che in quel momento metteva prevalentemente in luce temi di guerra. I film di Čap sono capolavori importanti dell’epoca che ancora oggi ci affascinano.

Il film verrà proiettato per la prima volta con sottotitoli in italiano, e la serata sarà arricchita dalla partecipazione di Nerina Kocjančič, responsabile della promozione e distribuzione presso il Centro cinematografico sloveno.

Evento in collaborazione con il Centro cinematografico sloveno e il Palazzo del Cinema. Scopri di più.

Il ciclo del cinema sloveno si concluderà il 1° dicembre con la serata dedicata alle fresche produzioni di cortometraggi sloveni. Vi aspettiamo numerosi!


FESTIVAL CINEMATOGRAFICO TRANSFRONTALIERO OMAGGIO A UNA VISIONE 2022

Primi Voli

La 23° edizione del festival cinematografico transfrontaliero Omaggio a una visione è ormai alle porte. Il festival è organizzato dal Kinoatelje in collaborazione con numerosi partner in sette città della Slovenia e della regione Friuli-Venezia Giulia.

La fitta proposta festivaliera inizierà con il programma dedicato alla sezione Primi Voli che si svolgerà dal 13 al 14 ottobre al centro culturale Mostovna a Nova Gorica. La piattaforma per lo sviluppo dei nuovi linguaggi cinematografici presenterà oltre 30 freschi, innovativi ed eclettici cortometraggi di tutti i generi, di produzione nazionale ed internazionale. Gli studenti dell'Accademia delle Arti dell'Università di Nova Gorica e dell'Università di Udine ‒ Dams Cinema hanno assunto il ruolo di curatori e presenteranno le opere dei loro coetanei che si distinguono per un linguaggio cinematografico peculiare e che secondo loro hanno segnato in modo più spiccato l'attuale produzione studentesca.

Inauguriamo il programma con il case study della regista Urška Djukić, che ci parlerà dello sviluppo del suo cortometraggio, il pluripremiato Grandma's Sexual Life. Per la prima volta si presenterà il festival di cortometraggi FeKK di Lubiana con la sua selezione dei migliori film vincitori. Il programma sarà arricchito dall'installazione artistica sull'antropocentrismo M_cro e da una performance multimediale del gruppo Hybrida con un omaggio a Pierpaolo Pasolini nel centesimo anniversario della sua nascita. Programma completo.

Retrospettiva - Helke Misselwitz

Tra il 16 e il 21 ottobre, verrà presentato durante il festival cinematografico transfrontaliero Omaggio a una visione l'ampio opus della regista tedesca Helke Misselwitz, che funge da sorta di cronaca del periodo prima della caduta del muro di Berlino e di tutto ciò che seguì nella vita degli abitanti della Repubblica Democratica Tedesca.

La serata d'onore con il conferimento del Premio Darko Bratina si terrà il 16 ottobre alle 18.00 presso il Palazzo del Cinema a Gorizia, dove assisteremo anche al film Winter Adé. Prima di ciò, una passeggiata cinematografica transfrontaliera, ci accompagnerà verso i luoghi oltreconfine più interessanti, fonte d'ispirazione di numerosi registi. L'appuntamento è alle 14.30 in Piazza Transalpina. La passeggiata con il tour delle location dei film e una conversazione con gli ospiti si concluderà alle 17.00 in via Rastello. Modulo per le iscrizioni all'evento.

Alla masterclass di un'intera giornata condotta da Helke Misselwitz, che si terrà lunedì 17 ottobre presso il Kulturni dom Nova Gorica, si unirà a noi lo scrittore e storico del cinema Claus Löser. Claus ci farà conoscere da vicino il funzionamento del DEFA, lo studio cinematografico statale della Repubblica Democratica Tedesca, che ha prodotto i film della regista fino al crollo della DDR. Oltre ai suoi cortometraggi della serie KINOBOX, verrà proiettato anche il suo primo lungometraggio HerzprungModulo per partecipare all'evento gratuito.

Martedì 18 ottobre il festival sarà ospite al Teatro Miela di Trieste, dove tra le altre proposte possiamo trovare in programma anche, Oder il fiume straniero, film su un fiume che nasce nella Repubblica Ceca e sfocia nel Baltico e costituisce il confine di quasi duecento chilometri tra la Polonia e la Germania. Esso non è solo una corrente, ma anche la storia.

Mercoledì 19 ottobre, la carovana cinematografica si trasferisce a Lubiana alla Cineteca slovena. Nel film Rifiuti ingombranti, in programma alle 18.00, la regista mostra un gruppo punk che usa la spazzatura come una batteria, e parla così della necessità di un cambiamento sociale quando la storia ha di nuovo superato il cinema e la caduta del Muro ha cambiato non solo la sua opera ma anche i suoi protagonisti. Segue il suo secondo lungometraggio, Angioletto, per il quale è stata premiata anche al Festival di San Sebastian.

Giovedì 20 ottobre saremo a San Pietro al Natisone. L'edizione di quest'anno terminerà venerdi 21 ottobre al cinema Visionario di Udine, dove verrà proiettato, tra gli altri, il documentario Chi ha paura dell'uomo nero e un ritratto di Helga Paris, fotografadedicato ad una delle fotografe più importanti della DDR. Qui trovate il programma completo.


CRONACHE DEL TEMPO SOSPESO. CRISI, MEMORIE E RINASCITA

Cronache dal tempo sospeso. Crisi, memorie e rinascita

La pandemia è stata un trauma sociale, che ci ha rinchiusi in una sorta di bolla di precarietà e incertezza verso il futuro, dove il tempo si è sospeso, ma ha anche alterato l’esperienza dell’abitare i luoghi, forzandoci in un isolamento dagli spazi comuni divenuti improvvisamente piatti e deserti. Alcuni di noi hanno vissuto questi eventi come qualcosa di inedito che invitava alla pausa e alla riflessione intima o familiare, per altri, soprattutto i giovani, si è trattato di un vero e proprio trauma, con tutto il senso di angoscia e disorientamento che ogni situazione traumatica porta con sé.

Testimoniare e raccontare sono delle preziose risorse a disposizione per affrontare le situazioni traumatiche, utili a costruire una cooperazione e quel “circolo virtuoso dei riconoscimenti reciproci” (Morin) oggi tanto più necessari di fronte ai nuovi scenari di guerra. Per questo abbiamo pensato che fosse importante poter dialogare insieme su questi temi e sugli effetti che questa esperienza pandemica ha prodotto nella vita fisica, emotiva, culturale e sociale di ognuno di noi e della comunità: se e come è cambiato il nostro modo di stare insieme, di comunicare, come lo spazio virtuale si rapporta a quello reale, come recuperare, accanto al senso della realtà, il senso della possibilità, che esprime le aspirazioni, le speranze, i desideri dei soggetti individuali e collettivi.

A introdurre queste riflessioni ci saranno due film molto diversi fra di loro: Molecole di Andrea Segre e Niente di sbagliato di Davide Barletti e Gabriele Gianni.

11 ottobre 2022 – ore 20.30 – Kinemax Gorizia – INGRESSO GRATUITO

Molecole (2020) di Andrea Segre

Tra febbraio e aprile del 2020 Andrea Segre, che da anni vive a Roma, è rimasto bloccato dal lockdown a Venezia, la città di suo padre e solo in parte anche sua. Lì stava lavorando a due progetti di teatro e cinema sulle grandi ferite della città: il turismo e l’acqua alta. Mentre girava il virus ha congelato e svuotato la città davanti ai suoi occhi, riconsegnandola alla sua natura e alla sua storia, e in qualche modo anche a lui. Ha raccolto appunti visivi e storie e ha trascorso quei giorni nella casa di famiglia, dove ha avuto modo di scavare nei ricordi di ragazzo e di figlio, che lo hanno trascinato più a fondo di quanto pensasse.
Archivi personali in super8 di Ulderico, il padre del regista e vero protagonista del film, si alternano a incontri con cittadini veneziani, che raccontano il rapporto tra la città e le acque e nello stesso tempo vivono l’arrivo inatteso del grande vuoto che ha invaso Venezia e gran parte del mondo.

18 ottobre 2022 – ore 20.30 – Kinemax Gorizia – INGRESSO GRATUITO

Nulla di sbagliato (2021) di Davide Barletti e Gabriele Gianni

La ricerca del significato del tempo attraverso i racconti e lo sguardo di ragazze e ragazzi durante il primo anno della pandemia.
Durante la pandemia a 300 studentesse e studenti di prima media vengono affidati dei diari, attraverso i quali raccontare il senso dello scorrere del Tempo. Ad alcuni di loro viene consegnata una piccola videocamera, per continuare a raccontarsi tra le mura domestiche, dove lo spazio individuale rimane quello di una cameretta inaccessibile al mondo degli adulti. I loro tormenti, confessioni e sogni divengono tappe di un viaggio, a cui si alternano le riflessioni dei compagni in aula e le piccole grandi avventure di una vita quotidiana scandita dall’isolamento. Un racconto corale di una generazione sospesa tra l'infanzia, abbandonata troppo in fretta, e un'età adulta sempre più incerta.

La rassegna è curata da Cristina Bertogna, Mario Gravino, Denis Rocchi
(psicoanalisti della Società Psicoanalitica Italiana) e dall’Associazione Palazzo
del Cinema – Hiša filma, con il patrocinio del Centro Veneto di Psicoanalisi e la
collaborazione del Kinemax di Gorizia.


ORARIO ESTIVO

ORARIO ESTIVO

 

Ricordiamo a tutti che è entrato in vigore l'orario estivo.

La sala studio e i servizi di prestito/restituzione saranno attivi solamente il pomeriggio dalle 15 alle 19.


VARIAZIONE ORARIO

VARIAZIONE ORARIO

 

Vi informiamo che per tutto il mese di settembre la mediateca resterà chiusa nella giornata di mercoledì.

I servizi della mediateca saranno disponibili dalle 15 alle 19 nelle giornate di lunedì, martedì, giovedì e venerdì.


CHIUSURA ESTIVA

CHIUSURA ESTIVA

Avvisiamo tutti gli utenti che la mediateca chiuderà per la pausa estiva dal primo al 21 agosto compresi. La sala studio e i servizi di prestito e/o restituzione ritorneranno esclusivamente con orario pomeridiano da lunedì 22 agosto.

Vi ricordiamo che potete restituire i film presi in prestito prima della chiusura estiva entro e non oltre venerdì 26 agosto. Oltre tale data gli utenti ritardatari saranno sospesi dal servizio di prestito per il periodo equivalente al ritardo maturato.


VIA DELLA CREATIVITÀ

Il Premio “Sergio Amidei” è partner di un progetto promosso da ANAC, Tesla Produzioni e dall’Associazione Palazzo del Cinema – Hiša Filma di Gorizia.

Come in altre città italiane, anche a Gorizia si sta verificando la tendenza sempre più comune dello spopolamento dei centri storici. Via Rastello un tempo era il cuore pulsante della città, dove risiedevano i negozi e le botteghe artigiane; negli ultimi decenni, queste attività hanno chiuso una dopo l’altra, lasciando i negozi della via quasi tutti vuoti e per la maggior parte sfitti.
Il progetto “Via della Creatività” si propone di destinare questi locali commerciali vuoti e inutilizzati a dei gruppi di creativi provenienti da tutta Europa in modo da trasformare dei negozi sfitti in spazi destinati a residenze artistiche in ambito teatrale, audiovisivo e creativo partendo da 2022 fino al 2025.


GUARDA IL PROGRAMMA

PROGRAMMA 41° PREMIO "SERGIO AMIDEI"

La 41°edizione del Premio alla Migliore Sceneggiatura “Sergio Amidei” svela l’intenso programma che dal 14 al 20 luglio 2022 porterà a Gorizia uno sguardo trasversale e aperto sul cinema, a 360°

Oltre ai Big, Michel Hazanavicius e Asghar Fahradi, tanti gli ospiti e gli appuntamenti in città, pensati per stupire cinephile e bambini, appassionati e curiosi.

Il 41° Premio Internazionale alla Migliore Sceneggiatura “Sergio Amidei” – organizzato dall’Associazione culturale “Sergio Amidei”, dal Dams – Discipline dell’audiovisivo, dei media e dello spettacolo, Corso interateneo Università degli Studi di Udine e Trieste, e dall’Associazione Palazzo del Cinema-Hiša Filma – svela le carte che articoleranno il programma delle 7 giornate, da giovedì 14 a mercoledì 20 luglio 2022, in un susseguirsi di proiezioni e appuntamenti pensati per tutti. Scopri di più.


SCARICATI IL PROGRAMMA

PASOLINI 100

PASOLINI 100

Con una nutrita serie di appuntamenti multidisciplinari il Collettivo Terzo Teatro di Gorizia offre il suo omaggio al centenario di Pier Paolo Pasolini nella rassegna itinerante "Pasolini 100". Il progetto offrirà un ampio spaccato dell’attività artistica dell’intellettuale friulano, dal Pasolini autore di teatro al suo lavoro di regista, scrittore, poeta, giornalista e pittore.

Per Pasolini cineasta verranno proiettati al Kinemax Gorizia, in Sala 2, i tre film appartenenti alla "Trilogia della vita". Questo ciclo è realizzato in collaborazione con l'Associazione culturale "Sergio Amidei" e l'Associazione Palazzo del Cinema - Hiša Filma.

Martedì 28 giugno, ore 20.30 - IL DECAMERON - Introduce Martina Pizzamiglio

Sommario/Abstract:
Trasposizione cinematografica di alcune novelle del Boccaccio. Nella prima un usuraio riesce a diventare santo con l'inganno; nella seconda il protagonista è un pittore interpretato dallo stesso regista. Tra le altre storie quella di un ortolano che si finge sordomuto per entrare in un convento. Primo capitolo della "Trilogia della vita".

[Film vietato ai minori di 18 anni - INGRESSO UNICO 4€]


Martedì 5 luglio, ore 20.30 - I RACCONTI DI CANTERBURY - Introduce Silvio Celli

Sommario/Abstract:
Secondo film della "Trilogia della vita". Dall'omonimo capolavoro di Geoffrey Chaucer. Otto pellegrini si mettono in cammino per Canterbury dove intendono rendere omaggio alla tomba di Sir Thomas Beckett. Durante il viaggio, ognuno dei componenti della comitiva racconta a turno una storia.

[Film vietato ai minori di 18 anni - INGRESSO UNICO 4€]


Martedì 12 luglio, ore 20.30 - IL FIORE DELLE MILLE E UNA NOTTE - Introduce Silvio Celli

Sommario/Abstract:
Terzo ed ultimo capitolo della "Trilogia della vita". La vicenda di Nur-ed-Din, figlio di un facoltoso mercante, che riscatta Zumurrud, una schiava affascinante rapita dai briganti e ritrovata sotto le spoglie maschili del re Sair, fa da prologo ad altre numerose storie ispirate ad alcune novelle de "Le mille e una notte".

[Film vietato ai minori di 18 anni - INGRESSO UNICO 4€]


IL PREMIO AMIDEI STA TORNANDO

IL PREMIO “SERGIO AMIDEI” PORTA A GORIZIA DUE MAESTRI DEL CINEMA INTERNAZIONALE PER UNO SPECIALE RADDOPPIO DEL PREMIO OPERA D’AUTORE

MICHEL HAZANAVICIUS E ASGHAR FARHĀDI, PROTAGONISTI DELLA 41° EDIZIONE, DAL 14 AL 20 LUGLIO 2022

Torna a Gorizia dal 14 al 20 luglio 2022 il Premio “Sergio Amidei” e lo fa con uno sguardo spiccatamente internazionale, a segnalare l’inizio del percorso che nei prossimi anni porterà (nel 2025) il binomio Nova Gorica / Gorizia a essere il centro di innumerevoli eventi legati al titolo di prima Capitale Europea della Cultura dalla peculiare natura trasfrontaliera.

Il Premio Amidei — tra i promotori della candidatura e organizzato anche quest’anno dall’Associazione culturale “Sergio Amidei”, dal Dams-Discipline dell’audiovisivo, dei media e dello spettacolo, Corso interateneo Università degli Studi di Udine e Trieste e dall’Associazione Palazzo del Cinema-Hiša Filma — testimonia questo impegno affiancando a proiezioni, eventi speciali, incontri dedicati all’analisi della scrittura per il cinema, un parterre di assoluto rilievo e sdoppiando, per la prima volta nella storia della manifestazione, il tradizionale Premio all’Opera d’Autore.

...
[scopri di più]