LIBRO: A ROMA CON ALBERTO SORDI

Titolo del libro: A Roma con Alberto Sordi. Da Trastevere a Kansas City
Autore: Nicola MANUPPELLI
Editore: Perrone
Collana: Passaggi di dogana, nr. 16
Data di pubblicazione: 2020
ISBN: 978-88-60-04531-7

A ROMA CON ALBERTO SORDI. DA TRASTEVERE A KANSAS CITY:
Una guida di Roma attraverso Alberto Sordi, i suoi personaggi, la sua vita e le sue pellicole; e allo stesso tempo un racconto di Sordi attraverso Roma e i suoi quartieri. Perché Sordi e Roma si identificano, si compenetrano, e non c'è posto di Roma dove non ci sia qualcosa di Sordi. Dall'infanzia e i difficili esordi alla radio e il successo col cinema, da Trastevere alla Galleria Colonna, da San Lorenzo al Colosseo, dal Ghetto a Cinecittà, fino al Campidoglio e alla famosa Villa Sordi, una serie di aneddoti, storie, leggende sull'attore più famoso di Roma. In questa raccolta di "racconti romani" che hanno al centro Alberto Sordi, a sfilare sono i luoghi di Roma e "spalle" come Fellini, De Sica, Monicelli, Oliver Hardy, Sonego, Monica Vitti, Fabrizi che hanno animato la città eterna. Ma anche le persone del popolo che di quella città amata da Sordi sono il sangue e l'anima. Così, da luogo a luogo, con gli occhi di Sordi, Roma diventa il grande romanzo picaresco italiano.

Nicola Manuppelli è nato a Vizzolo Predabissi nel 1977. Scrive, traduce, cura, scopre e “importa” autori americani e irlandesi. Ha pubblicato i romanzi Bowling (2014, Barney Edizioni), Merenda da Hadelman (2016, Aliberti), Roma (2018, Miraggi), la biografia della scrittrice Alice Munro, La fessura (2014, Barbera) e la raccolta di poesie Quello che dice una cameriera (2017, Miraggi).
Nel 2019 gli amici della Libreria Ub!k di Gorizia hanno presentato Roma in Mediateca.GO "Ugo Casiraghi". A luglio dello stesso anno Nicola e il suo Roma sono stati protagonisti di un dibattito assieme a Daniela Masciale e Raffaele Rago (autori del documentario “Segretarie”) all'interno del Premio "Sergio Amidei".

Alberto Sordi (Roma, 15 giugno 1920 – Roma, 24 febbraio 2003) è stato uno fra i più importanti attori del cinema italiano. Con circa 200 film è considerato uno dei più grandi interpreti della commedia all'italiana con Ugo Tognazzi, Vittorio Gassman e Nino Manfredi, un quartetto al quale è generalmente accostato anche Marcello Mastroianni. Inoltre, insieme ad Aldo Fabrizi e Anna Magnani, fu tra i massimi esponenti della romanità cinematografica.
questo libro verrà presentato durante il 39esimo Premio "Sergio Amidei"

39° PREMIO "SERGIO AMIDEI"

39° PREMIO INTERNAZIONALE ALLA MIGLIORE SCENEGGIATURA "SERGIO AMIDEI"

Luglio 2020 – Aprile 2021


aaa 

Ritorna a partire da luglio a Gorizia il Premio “Sergio Amidei”. Ripensato nella struttura per continuare ad offrire intense pagine di cinema, l’Amidei 2020 si espande nel tempo frammentando la proposta in tanti appuntamenti che da luglio animeranno la vita culturale della città isontina fino a inizio 2021.
Ad inaugurare il calendario la sezione dedicata ai film in concorso per il Premio Internazionale alla Migliore Sceneggiatura “Sergio Amidei” in programma dal 16 al 26 luglio al Parco Coronini Cronberg.

11 giorni di cinema durante i quali ai 7 film in concorso si affiancherà 1 proiezione speciale dedicata all’Amidei Kids — per la prima volta in versione serale — e 3 pellicole fuori concorso.

Le sette sceneggiature in concorso selezionate tra i titoli europei usciti nelle sale durante la stagione cinematografica 2019 – 2020 sono le seguenti (in ordine alfabetico): Hammamet / I miserabili / Lontano lontano / L’ufficiale e la spia / Martin Eden / Ritratto della giovane in fiamme / Sorry we missed you.
Ad affiancare la proiezione dei film in concorso, l’Amidei Kids al suo debutto serale al Parco Coronini Cronberg con La famosa invasione degli orsi in Sicilia per la regia di Lorenzo Mattotti ispirato all’omonima storia di Dino Buzzati.

La 39a edizione del Premio Amidei proseguirà — dopo il lancio estivo — nel tardo autunno con una carrellata di mini rassegne, presentazioni di libri con proiezioni abbinate, incontri con gli autori e con i premiati delle prestigiose sezioni dedicate al Premio all'Opera d'Autore e al Premio alla Cultura Cinematografica.

Informazioni e dettagli sugli appuntamenti autunnali dell’edizione diffusa del Premio Amidei 2020-2021 verranno comunicati a partire da settembre.

MODALITÀ D’INGRESSO AL PARCO CORONINI CRONBERG:
L'ingresso alle proiezioni serali al Parco Coronini Cronberg sarà a pagamento con posto assegnato a prezzo popolare di €3,00, un piccolo segnale di sostegno al mondo del cinema. 
La biglietteria sarà ubicata all'interno del Parco Coronini Cronberg presso le ex Scuderie.
 La mappa posti verrà definita giornalmente nel rispetto delle condizioni di sicurezza vigenti. L'ingresso al Parco dovrà avvenire preferibilmente dall'accesso principale di Viale XX Settembre 14 e verrà coordinato dagli addetti alla biglietteria e all'accoglienza a partire dalle 20.15 di ogni serata.


per maggiori informazioni visita il sito amidei.com o scaricati il programma

LIBRO: FORTE RESPIRO RAPIDO

Titolo del libro: Forte respiro rapido. La mia vita con Dino Risi
Autore: Marco RISI
Editore: Mondadori
Collana: Strade Blu
Data di Pubblicazione: 2020
ISBN: 978-88-04-72184-0

FORTE RESPIRO RAPIDO. LA MIA VITA CON DINO RISI:
Un figlio, un padre, un redde rationem. Il figlio torna sui suoi passi, lungo il percorso in cui è diventato figlio, lungo le svolte che l'hanno liberato dal padre, e infine al sentiero solitario in cui è tornato al padre. Non siamo di fronte a un padre qualunque, e neanche a un figlio qualunque. Dino Risi è il regista che ha arricchito di storie, di emozioni, di immagini la cosiddetta "commedia all'italiana". Marco Risi è il giovane che ha sfidato il padre sul suo stesso terreno e si è aperto una strada sua. Si può essere figlio e sentire il padre anche come un maestro? Va da sé che il racconto finisce per accendere le luci in sala. Torna il cinema. Torna il grande cinema. Le relazioni, le battute fulminanti, becere e folgoranti, le amicizie, le conversazioni, Mastroianni, Fellini, e le donne, tante donne, leggendarie, un eros ossessivo che si snoda per tutta la ricognizione narrativa come una luce, come una magia, anche minacciosa. Dolente doppio del padre, si muove fra queste pagine un Vittorio Gassman inedito, sofferente e piegato su di sé. Ne esce una storia che sta fra l'epica (del cinema) e la commedia: si coglie presto come la vitalità del cinema fra gli anni Cinquanta e gli anni Sessanta dipendesse da un clima di intesa, di coesione, magari anche di conflitto, ma tutti - tutti - erano sullo stesso palcoscenico. E in mezzo a questo sciamare di personaggi, di episodi memorabili, in mezzo a un'Italia che non c'è più, ecco lo spirito guida: il rapporto padre-figlio, e il venir meno dei padri, il morire, l'assenza. Qui c'è un padre che talora lascia la frase incisa nell'aria ("Non farlo, quel film"). E con la frase si incide un personaggio indimenticabile, severo e infedele, disincantato ed elegante, Un principe mordace. E nel rifluire di vicende, complici il caos della memoria e una straordinaria pulizia di effetti, emerge la semplice verità dell'essere vivi, o dell'essere stati.

Marco Risi nasce il 4 giugno 1951. Esordisce nel cinema nel 1982 con Vado a vivere da solo seguito da altre due commedie sempre con Jerry Calà. Con Soldati – 365 all’alba (1987) vira verso un cinema d’impegno civile che continua con Mery per sempre (1989) e Ragazzi fuori (1990), Il muro di gomma (1991) e Il branco (1994). Del 1998 è il grottesco L’ultimo capodanno tratto dal romanzo di Niccolò Ammaniti. Negli anni Duemila realizza, fra gli altri, Tre mogli, Maradona – La mano de Dios e Fortapàsc, sulle drammatiche vicende che hanno visto protagonista il giovane giornalista Giancarlo Siani, ucciso dalla camorra.

Dino Risi (Milano, 23 dicembre 1917 – Roma, 7 giugno 2008) è stato un regista e sceneggiatore italiano, considerato uno dei massimi esponenti della commedia all'italiana, insieme a Mario Monicelli e Luigi Comencini.

MOSTRA DEL FIORE, MIRAMARE 1965

Un vero proprio omaggio ad uno dei patrimoni artistici, architettonici e naturali più importanti della nostra Regione: il Castello e il parco di Miramare, sorto per volontà dell’arciduca Massimiliano d’Asburgo che decide, attorno al 1855, di farsi costruire alla periferia di Trieste una residenza consona al proprio rango, affacciata sul mare e cinta da un esteso giardino. Così in occasione della recente riapertura del sito culturale avvenuto pochi giorni fa, è stato pubblicato sul sito di Mediateca.GO, il filmato restaurato e digitalizzato dal titolo “Mostra del Fiore, Miramare 1965" con la regia di Olivia Averso Pellis.

Il video è solo uno dei componenti di un nuovo progetto che l'Associazione Palazzo del Cinema – Hiša filma ha messo in produzione allo scopo di creare un vero e proprio archivio storico audiovisivo del territorio, in collaborazione con il laboratorio “La Camera Ottica” dell'Università degli Studi di Udine, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia e della Regione Friuli Venezia Giulia.


LINEE GUIDA COVID-19

Mediateca.GO "Ugo Casiraghi" riaprirà lunedì 18 maggio esclusivamente per i servizi di prestito/restituzione, dalle 15 alle 19.

Per garantire la sicurezza degli utenti e degli operatori al prestito, oltre all'obbligo di mantenere una distanza di sicurezza di 1-2 metri e di indossare mascherina e guanti, le misure preventive che verranno attuate saranno le seguenti:

● sarà possibile accedere alla mediateca esclusivamente dall'entrata situata in via Bombi (lato galleria);
● la sala studio rimarrà chiusa fino a data da destinarsi e gli utenti non potranno usufruire delle postazioni Internet e dei servizi di consultazione libraria e/o audiovisiva;
● agli utenti non sarà permesso sostare negli ambienti della mediateca oltre il tempo necessario alla restituzione e/o al prestito dei materiali;
● sarà possibile sostare negli ambienti della mediateca un utente alla volta.

Per evitare assembramenti i prestiti dovranno essere prenotati tramite email (info@mediateca.go.it) già da lunedì 11 maggio, e a partire da lunedì 18 maggio anche via telefono chiamando lo 0481 534604, da lunedì a venerdì, dalle 15 alle 19.

Attraverso questi due canali si potranno prenotare anticipatamente i film che l'utente desidera prendere in prestito e la data e la fascia oraria per il ritiro.
Suggeriamo di verificare la disponibilità delle opere desiderate sul catalogo online delle Mediateche del Friuli Venezia Giulia (www.mediatechefvg.it/opac) e di indicare almeno un titolo sostitutivo, qualora quello richiesto non fosse disponibile.

Gli utenti che dovranno restituire i materiali, ma che non desiderano prendere in prestito nulla, potranno passare senza prenotazione in mediateca da lunedì a venerdì, dalle ore 15 alle ore 19.

I film e i libri restituiti subiranno un periodo di quarantena preventiva, pertanto non potranno essere presi in prestito prima che passi tale periodo.

Si raccomanda agli utenti di maneggiare i materiali della mediateca solo dopo avere lavato o disinfettato le mani, di non tossire né starnutire sui libri e/o DVD, oltre che di tenere presente tutte le pratiche utili alla tutela della salute propria ed altrui.